La presentazione del libro di Ignazio Visco e altri appuntamenti organizzati dall'Unisalento

1
9

​Studiosi, imprenditori, professionisti e studenti a “dialogo” sul futuro delle imprese, sulle sfide della competitività e dello sviluppo nel contesto dei rapporti con il territorio: promosso dalla Facoltà di Economia e dal Dipartimento di Scienze dell’Economia dell’Università del Salento, nell’ambito delle attività dell’Incubatore di Idee e d’Imprese, continua il ciclo di incontri “Dialoghi sull’impresa futura. Competitività, sviluppo, territorio”. Articolati per ambiti settoriali e per macro temi che delineano le tendenze della competitività, gli incontri mettono appunto a dialogo esperti del mondo dell’impresa e della finanza, imprenditori del territorio salentino, studenti e docenti della Facoltà di Economia.
​Nel quarto appuntamento, in programma venerdì 29 aprile 2016 alle 18 nella Sala Conferenze del Rettorato dell’Ateneo salentino (piazza Tancredi 7, Lecce), focus su “L’impresa manifatturiera”; a dialogo il Direttore Generale della Banca Popolare Pugliese Mauro Buscicchio; Antonio Quarta, owner Quarta Caffè srl; il Preside della Facoltà di Economia “Antonio de Viti de Marco” dell’Università del Salento Amedeo Maizza; Francesco Giaccari, professore ordinario di Economia aziendale – UniSalento; Alessandrofabio Ferrari, studente presso la Facoltà di Economia; moderatore Marcello Favale.
​«Le imprese vivono da tempo profondi mutamenti che, per la loro intensità e rapidità, appaiono strutturali e irreversibili», sottolinea il professor Maizza, «I conseguenti rischi e opportunità necessitano di riflessione: in questo mutato scenario, il Territorio emerge quale componente determinante nella ricerca della competitività legata alla differenziazione. Essere firm specific significa, per le imprese, possedere competenze non replicabili, quindi essere capaci di contrastare l’azione competitiva delle realtà economiche che puntano esclusivamente sulla price competition; affinché ciò accada, è necessario definire scelte strategiche che interessino un’area geografica omogenea e con specifiche potenzialità, utili all’emersione di modelli di business peculiari, unici, non ripetibili, dunque competitivi nel contesto globale. Il Salento possiede diverse condizioni (naturali, paesaggistiche, sociali, economiche) che possono, se opportunamente valorizzate, agevolare tale percorso. I Territori inoltre, quindi anche il nostro Salento, sono depositari di “giacimenti di conoscenza” composti in buona misura da giovani che, per esigenze lavorative, spesso si spostano in altre aree, impedendo così a quella di origine di beneficiare delle loro capacità. Il Salento, più di altri territori, vive tale processo di impoverimento. Questi incontri sono rivolti agli studenti universitari, agli imprenditori, agli esponenti delle istituzioni e a tutti coloro che sono interessati ai temi oggetto di approfondimento. Il nostro obiettivo è approfondire i futuri scenari che possono interessare i giovani e le imprese del territorio salentino, in una prospettiva di internazionalizzazione dell’economia. Attraverso il metodo dell’ascolto e della discussione partecipata, si cercherà, alla fine del ciclo di incontri, di pervenire a un documento programmatico sul possibile futuro dell’impresa nel Salento».
L’Incubatore di Idee e d’Imprese
L’Incubatore di Idee e d’Imprese (IdI) della Facoltà di Economia dell’Università del Salento punta alla diffusione della cultura d’impresa, all’avvicinamento della didattica e della ricerca al sistema produttivo locale. IdI è una struttura progettata per favorire la creatività e la sperimentazione di formule didattiche innovative in un ambiente reso particolarmente fertile dalle competenze che la Facoltà è in grado di mobilitare e dalle esperienze degli operatori e dei partner istituzionali coinvolti. Tutto al fine di incrementare il processo di formazione universitaria, nonché per generare opportunità di impresa e di lavoro in generale. IdI ha promosso, tramite il Dipartimento di Scienze dell’Economia, una campagna di crowdfunding finalizzata al sostegno dello start up giuridico delle due migliori idee d’impresa nell’edizione 2016 (https://www.facebook.com/vogliofareimpresa/).
Presentazione del libro di Ignazio Visco
Su iniziativa del Dipartimento di Scienze dell’Economia dell’Università del Salento, verrà presentato venerdì 29 aprile 2016 alle ore 11, presso il Centro Congressi del complesso Ecotekne (via per Monteroni, Lecce), il libro “Perché i tempi stanno cambiando” (edizioni Il Mulino, 2015), del Governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco. Dopo i saluti introduttivi del Direttore del Dipartimento Stefano De Rubertis, la presentazione sarà coordinata dalla professoressa Alessandra Chirco, ordinaria di Economia Politica. Con l’autore dialogheranno i professori Giampaolo Arachi, ordinario di Scienza delle Finanze; Paolo Cucurachi, ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari; Antonella Nocco, associata di Economia Politica.
Il libro
Partendo dallo scenario tracciato nella XXX Lettura del Mulino sui cambiamenti, rapidi e tumultuosi, associati agli sviluppi della tecnologia in un mondo globalizzato, Ignazio Visco discute tre temi di particolare rilevanza: la riforma della regolamentazione degli intermediari e dei mercati finanziari; la crisi dei debiti sovrani e le sue implicazioni per l’integrazione europea, anche alla luce dei recenti avvenimenti greci; il sistema produttivo e il ruolo dell’azione pubblica in Italia. Il filo rosso che collega i contributi, all’intersezione tra tendenze di lungo periodo e andamenti congiunturali, è la consapevolezza che la “grande trasformazione” in atto richiede interventi anche di natura strutturale da parte sia della politica economica sia della politica tout court, dentro e oltre i confini nazionali. Se non sappiamo né possiamo prevedere il futuro dobbiamo però creare le condizioni per affrontarlo al meglio.
L’autore
Ignazio Visco è Governatore della Banca d’Italia e membro del Consiglio direttivo della Bce e della Bri. Dal 1997 al 2002 è stato Capo economista e Direttore del Dipartimento economico dell’Ocse a Parigi. Con il Mulino ha pubblicato «Le aspettative nell’analisi economica» (1985), «Inflazione, concorrenza e sviluppo» (con S. Micossi, 1993), «L’economia italiana» (con L.F. Signorini, 20022) e «Investire in conoscenza» (20142).
Presentazione del libro dell’arcivescovo D’Ambrosio
Verrà presentato nella sala conferenze del Rettorato dell’Università del Salento (piazza Tancredi 7, Lecce), venerdì 29 aprile 2016 alle ore 10.30, il volume “Lettere in dialogo. Tratti del Magistero dell’Arcivescovo D’Ambrosio alla Diocesi di Lecce” (edizioni Milella, 2016) di Daniela De Leo, professoressa aggregata di Filosofia teoretica presso l’Ateneo salentino. Alla presenza dell’Arcivescovo metropolita di Lecce Domenico D’Ambrosio, e dopo i saluti del Rettore Vincenzo Zara, interverranno l’autrice Daniela De Leo e i professori Marco Piccinno, associato di Didattica e Pedagogia Speciale, e Carlo Alberto Augieri, Ordinario di Critica Letteraria e Letterature Comparate.
> Il libro
Il volume “Lettere in dialogo” presenta un’analisi interpretativa delle lettere pastorali dell’Arcivescovo D’Ambrosio alla Diocesi di Lecce condotta con un approccio “mixed methods”, con l’implementazione di un’analisi lessicometrica arricchita dall’analisi ermeneutica. L’analisi delle corrispondenze lessicali ha permesso di evidenziare le dimensioni semantiche attraverso la prossimità delle parole presenti nei frammenti di testo analizzato, e ha guidato la successiva fase ermeneutica di codifica dei contenuti. Il risultato è un modello esplicativo attraverso cui leggere le Lettere.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui