Le emozioni “pop-elettroniche” di Julielle

0
108

Si intitola “Across” ed è il primo EP di Julielle, giovane artista leccese che presenterà il suo nuovo lavoro discografico nelle sale del Museo Sigismondo Castromediano di Lecce.

Nel titolo dell’album è racchiuso il significato più profondo che lega la giovane cantante all’universo musicale, ovvero a quell’energia in grado di attraversare il corpo e la mente senza soluzione di continuità, come fosse flusso vitale.

Lo stesso titolo si presta anche ad un’altra interpretazione, se lo si legge staccato come A-Cross, e così diventa la croce che rappresenta la sacralità della musica, in senso laico.

Domenica 8 dicembre Julielle accoglierà amici e fans in un contesto in cui l’arte la fa da padrona, e lo farà con l’emozione di chi gioca in casa, nonostante abbia all’attivo numerosi concerti nazionali e internazionali, e abbia calcato i palcoscenici più rinomati per promuovere il suo primo album “Toys”.

Julielle ha cominciato molto presto a familiarizzare con le sette note. A soli 10 anni si muoveva già a suo agio nel contesto musicale con cui ha stretto un sodalizio che si è consolidato nel tempo.

Il suo percorso si divide tra musica elettronica (in particolare quella di Flume, Bonobo e Son Lux), la passione per Edith Piaf e i Beatles. Ha partecipato anche al  Linecheck di Milano, al  Reeperbahn Festival di Amburgo e al  Medimex di Taranto (in apertura a  Cigarettes after Sex).

Il nuovo EP, “Across”, è prodotto da  Paolo Del Vitto per  La Rivolta Records.

L’appuntamento è per domenica 8 dicembre alle ore 20.00

Costo del biglietto 10 euro. Prima dell’evento sarà offerto agli  ospiti un aperitivo in uno spazio allestito appositamente. Sul palco l’artista sarà accompagnata da una band d’eccezione:  Filippo Bubbico al piano,  Stefano Greco ai synth e ai programmi,  Angelo de Grisantis alla batteria e SPD.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui